Alberto Manzi, il mio maestro